cronogenetica linea temporale training friuli veneto

La Cronogenetica libera la confusione della linea temporale, ripristinando il flusso del tempo e restituendo al singolo la possibilità di ideare, formulare e installare sulla linea NUOVE memorie del futuro, concepite come obiettivi.

Che cos’è un obiettivo?

L’obiettivo è il motivo dell’azione: è il “verso dove” si sta andando.

L’obiettivo è la capacità d’immaginare in modo nitido e motivante quello che si vuole raggiungere nella vita, quasi fosse già reale!

Il percorso della Cronogenetica toglie il blocco della linea temporale, scioglie i circoli viziosi mentali e conduce la persona a riformulare gli obiettivi che possono essere:

1. descritti positivamente

2. assolutamente ecologici ed etici: permettono la mia espansione e crescita senza limitare nessun altro essere vivente.

3. sempre concreti e definiti, non possono MAI confondersi con i “desideri” per lo più irrealizzabili.

Il DESIDERIO è infatti, per sua natura, collegato alla stasi, allo stare fermi.

L’etimologia della parola desiderio (“de sideribus”) ci rimanda al De bello Gallico: i desiderantes erano i soldati che stavano sotto le stelle ad aspettare quelli che dopo aver combattuto durante il giorno, non erano ancora tornati.

Da qui il significato del verbo desiderare: “stare sotto le stelle ed attendere“.

Purtroppo i soldati speravano, ma anche sapevano che i loro amici commilitoni non sarebbero rientrati, perché erano morti sul campo di battaglia. Chi desidera è nella stessa situazione; il desiderio è sempre in relazione con la morte, con – appunto – l’ultimo desiderio del condannato a morte.

Dunque solo l’obiettivo fa muovere: etimologicamente parlando deriva da “obiectum” che indica una “cosa gettata e posta innanzi” , qualcosa di concreto che è stato posto sulla linea temporale e che devo andare a prendere!

Per questo un obiettivo non può riguardare il mantenimento della salute perché questa è una condizione “ovvia e normale” dell’essere vivente, non progettabile.
Obiettivo non riguarda neppure il raggiungimento di uno stato emotivo che può essere recuperato istantaneamente in qualsiasi momento.