Cerchi un retroterra scientifico al funzionamento della CRONOGENETICA?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

Potrei citarti lo scienziato polacco Alfred Korzybski, che già nel 1933, nel suo libro Science and Sanity, tentò di rompere con il principio aristotelico d’identità, invitando i biologi, gli psicologi e i medici a “pensare” in termini moderni di “colloidi” e “quanta” abbandonando i vecchi termini chimici e psicologici, ormai inadeguati e sorpassati.

Korkybski è stato il primo a comprendere cosa distingue l’essere umano da ogni altro essere vivente: la capacità di saper utilizzare il tempo (Time-Binding).

Le premesse della sua Semantica Generale possono così esprimersi:

1.               Una mappa non è il territorio che rappresenta (non-identità).

2.               Una mappa non copre tutto il territorio (non-totalità).

3.               Una mappa è auto-riflessiva (auto-riflessività del linguaggio)

 

La Cronogenetica fonda il proprio potere di intervento inconscio su questa non proprio recente (1933) ma illuminante affermazione:

“Tutte le emozioni richiedono sempre e comunque una referenza temporale per esprimere il loro vero significato. Un semplice mutamento o una minima variazione della prospettiva temporale fa sì che l’emozione si ri-contestualizzi e si trasformi in una nuova impressione. Proprio in quell’attimo l’emozione mostra il suo aspetto essenzialmente illusorio e automaticamente svanisce e scompare”.

Questo è quello che accade durante le sedute di Cronogenetica: la persona riesce a distinguere finalmente ciò che è suo, da quello che è stato ereditato dall’albero e che riverbera in lei.