Quando è utile intraprendere questo cammino di modificazione radicale della propria visione della realtà?

Sempre, in qualsiasi momento della propria esistenza, a partire però dal compimento del 21° anno di vita in poi. E’ utile conoscere l’età minima per cominciare: 21 anni che rappresentano ancora la maggiore età per il nostro inconscio. Prima di questa data non è possibile intervenire, né tentare di rintracciare quella Linea Temporale che il soggetto sta ancora formando.

Fasce di età e risultati attesi

22-30 anni
Qui la Cronogenetica ottiene i risultati più eccellenti perché il giovane è in grado di entrare immediatamente in sintonia con il proprio inconscio e riconoscere istantaneamente la differenza tra le sue vere emozioni e quelle che riverberano in lui, solo perché appartenenti al suo albero genealogico.  In questa fascia di età non c’è ancora totale identificazione con il “risentito” e quindi è più facile prendere le distanze da problematiche generazionali.  I giovani che hanno avuto la fortuna di intraprendere questo cammino agli inizi del loro percorso di vita hanno rovesciato la propria visione di 360 gradi e hanno preso coscienza dei propri veri talenti e capacità. La chiarezza mentale ed emozionale che la Cronogenetica offre si trasforma nella visione pulita dei propri obiettivi di vita. Tutti i ragazzi dovrebbero intraprendere questo percorso. Invitiamo i genitori ad offrire ai propri figli questa opportunità, come se fosse un master che li renderà idonei all’esistenza.

30-40 anni
Anche in questa fascia di età possiamo beneficiare dei risultati della Cronogenetica. L’uomo e la donna sono maturi per prendere le dovute distanze dal proprio albero generazionale. E’ importante prendere coscienza delle reazioni automatiche che si innescano in famiglia con genitori e familiari e che possono inficiare anche il rapporto affettivo con il partner, ripetendo dinamiche antiche già subite in passato e rifiutate.  Al soggetto, durante il percorso di Cronogènia, non viene richiesto nessuno sforzo di volontà, nessun impegno ulteriore, ma ugualmente si ritroverà a modificare velocemente la propria visione di vita, disattivando gli automatismi che lo costringevano ad obbedire alla Lealtà Familiare Inconscia. In questa fascia di età è possibile iniziare il percorso di Cronogenera, insieme al proprio partner, per liberare tutte le problematiche generazionali che hanno costretto la coppia in una momentanea infertilità. Molti sono i bambini nati grazie allo sblocco emozionale dei due alberi generazionali.

40-50 anni
E’ il momento della prima profonda verifica della propria esistenza, di quello che abbiamo realizzato e di quello che non abbiamo saputo perseguire con volontà e determinazione. Forse non abbiamo ancora visto realizzati i nostri sogni, nonostante gli sforzi, o forse abbiamo compreso i nostri errori e stiamo cercando una nuova chance. Intraprendere la Cronogenetica a questa età diventa occasione per superare la positiva crisi di questo momento dell’esistenza. Abbandonare i legami emozionali e i circoli viziosi che ci legano al nostro albero genealogico, permette al soggetto di staccarsi dalla propria precedente immagine e di tentare un vero Nuovo Inizio che può coincidere con l’abbandono di antichi legami affettivi o con una vera e propria rivoluzione lavorativa. Cronogenetica aiuta nell’individuazione dei nuovi obiettivi di vita che permetteranno di effettuare una nuova scelta o di permanere nella precedente, ma con una visione ben più chiara e nitida. La difficoltà di questa fascia di età risiede nella fatica a strappare via da sé quella maschera percettiva con la quale il soggetto si è fin lì identificato, ma chi arriva fino in fondo al percorso riuscirà tuttavia a trovare i propri veri obiettivi e a tornare in linea con il proprio Sé più profondo.

50-60 anni
Più andiamo avanti con l’età e più ovviamente la persona si identifica con il proprio vissuto e con le emozioni che sono state vissute dai propri antenati. La paura e il dispiacere più grande è proprio quello di constatare che i propri figli ripetono i medesimi errori che abbiamo commesso e che non c’è stata evoluzione nell’albero. Più abbiamo cercato di tutelare i nostri figli con l’omertà e con il silenzio relativo a fatti ed eventi pesanti accaduti nelle vite dei nostri avi, e più le esperienze antiche si sono ripetute: incidenti, abbandoni, separazioni, morti. La Cronogenetica ha qui la funzione di alleviare ed eliminare alla radice, quell’inconscio senso di colpa che impedisce un sano rapporto con i propri figli. La Cronogenetica rimette in equilibrio la relazione con loro e li libera dalle ripetizioni inconsce che sarebbero costretti a ripetere.

Dai 60 in poi
La pulizia delle emozioni dissipa le ombre che impediscono di trovare in questa età una corretta motivazione di vita. Cronogenetica aiuta a ritrovare degli obiettivi sereni e sintonici con il soggetto e con l’esperienza maturata. Non siamo alla fine della vita, ma possiamo finalmente mettere a frutto il bagaglio di saggezza personale che la vita ci ha donato. Anche qui la pulizia emozionale della Cronogènia permette che ci sia un ritorno benefico per tutti i componenti della famiglia, soprattutto per i propri figli e anche per i nipoti, proprio perché andiamo a spezzare emozioni negative e decisioni limitanti che hanno strutturato le relazioni pesanti del clan.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi