Spesso il senso di colpa non viene neppure citato o inserito nelle emozioni o nello studio delle emozioni moderne. Eppure, per la nostra esperienza, è la prima emozione di imprinting in Italia, almeno secondo la conoscenza della Cronogenetica su oltre 18.000 sedute. Nella COLPA il soggetto non ha ancora scoperto il proprio bisogno, fa ancora quello che gli dicono gli altri, non più per il timore e la soggezione verso un potere che lo mantiene in sudditanza, ma per il sincero desiderio di soddisfare in tutti i modi l’altro ed il suo bisogno.

E’ opinione comune individuare come luogo della colpa il femminile. Colpevole è, fin dall’origine, sempre e soltanto la donna, anche se è il maschile ad indicarla con il dito puntato. In verità il vero ed unico nucleo della colpa non è Eva che mangia la mela, ma il figlio o la figlia che sono coscienti di NON AVER SODDISFATTO IL MATERNO.

La madre del soggetto ferma e castra ogni sia pur minima espressione di individualità. Le persone con questo imprinting hanno una scarsa autostima e sono facile preda di qualsiasi altro interlocutore. In questa emozione viene continuamente riprodotta l’insofferenza della madre che soffre per l’assenza del proprio partner che spesso lascia i propri figli in ostaggio alla madre.

Ad esempio: quando il nostro partner è infedele, siamo portati a dare la colpa a noi stessi. Nel senso di colpa il proprio bisogno reale non viene ancora espresso, ma i figli vengono concepiti e fatti arrivare.

Ecco alcune motivazioni che derivano dalla nostra analisi e che fanno permanere il soggetto nella colpa:

  1. Non riuscire a trovare soluzioni per la propria madre
  2. Ripetere con i propri figli il cliché di incomunicabilità con i genitori vissuto nell’infanzia
  3. Non essere riuscita a trasmettere alla propria figlia adottiva dei sani principi
  4. Dover essere sempre di esempio per gli altri e per i propri familiari
  5. Non riuscire a gestire l’affettività con il maschile
  6. Non riuscire a manipolare il maschile nella stessa maniera del padre (che lo accetta per amore)
  7. Non riuscire a mettere l’affettività al primo posto
  8. Anteporre il successo sociale all’affettività familiare
  9. Non sentirsi mai a posto con la propria coscienza
  10. Non fare abbastanza per gli animali
  11. Non essere sempre splendida e splendente
  12. Non essere riuscito ad esprimere le proprie conoscenze
  13. Non saper gestire la propria esistenza
  14. Vivere in un ambiente in cui non si viene compresi
  15. Non riuscire a gestire la propria omosessualità latente
  16. Non riuscire a staccarsi dalla madre

Benefici della Cronogenetica per il Senso di Colpa

Il sentimento del SENSO DI COLPA è descrivibile come la propria energia in totale asservimento al desiderio ed al bisogno del prossimo, per averne in cambio un surrogato di affettività. Vivere con il senso di colpa è garantire all’altro un’entrata diretta al centro della nostra volontà per costringerci a fare (in un modo oscuro ma reale) quello che l’altro ci chiede. Chi ha l’emozione di senso di colpa come imprinting primario ha serie problematiche di nascita e molto probabilmente porta addosso il segno del RIFIUTO.

Con la pulizia del SENSO DI COLPA in CRONOGENETICA la persona si riappropria della sua energia e comprende che la vita è anche RIFIUTO e che l’unica strada percorribile è la Sua Accettazione. Solo così la sottomissione precedente si trasforma in presa di potere della propria vita.

Ecco cosa dice del Senso di Colpa il Libro “Un corso in miracoli”:  COLORO CHE SI SENTONO IN COLPA SI ASPETTANO L’ATTACCO e, avendolo chiesto, ne sono attratti. Così ciò che non vuoi ti attrae molto di più di ciò che vuoi. Se l’ego pensa di aver sacrificato qualcosa per l’altro lo odierà per questo. Non ama l’altro ma amerà o crederà di amare il sacrificio. Per questo sacrificio – che esige da se stesso – esige anche che l’altro accetti colpa e sacrificio.”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi