Dal lat. CONFLICTUS urto, cozzo e questo da CON-FLIGERE urtare una cosa con un’altra, composta da CU=insieme e FLIGERE percuotere. FLIGERE deriva dalla radice PLAG che è anche nella voce piaga o nel greco THLIBO= premere, comprimere, opprimere.  Combattimento, pugna. Mentre il Conflitto psichico è uno stato di tensione e di squilibrio in cui l’individuo viene a trovarsi quando è sottoposto alla pressione di tendenze, bisogni e motivazioni fra loro contrastanti.

Nel conflitto vado in collisione e in urto tra quello che vorrei fare e quello che devo fare. Il soggetto anela a situazioni molto diverse da quelle vissute, molto più piacevoli, ma ha deciso di anteporre ai propri i bisogni quelli degli altri a cui vuole rispondere.

Il conflitto è il RIFIUTO di ciò di cui abbiamo BISOGNO.

Quando arriva il conflitto siamo in un punto di evoluzione biologica più avanzato, dove la problematica della sopravvivenza è stata superata e dove possiamo scegliere come indirizzare e cosa fare della nostra energia. Mi accorgo di avere molti altri bisogni rispetto a quelli basilari relativi alla mera sopravvivenza, ma anche se sono cosciente che ci sono molte cose piacevoli che mi rendono felice, ugualmente non riesco ad accettare di soddisfarli, perché vengono prima i bisogni degli altri, all’interno della mia famiglia.

La mia autocoscienza mi impone di anteporre il bisogno degli altri al mio. E’ come se mi chiedessi: “Chi deve essere soddisfatto per prima?” e la risposta a questa domanda è che io vengo sempre dopo. Non si tratta però di una questione di mancanza di autostima, anzi è invece la coscienza di una scelta che prendo liberamente. Decido di essere al servizio dei bisogni dei miei cari, della mia famiglia, del mio gruppo, ma è una scelta che mi fa comunque soffrire e che mi mette in conflitto.

Il conflitto produce malinconia: non riesco a soddisfarmi non perché non voglio, ma perché non posso. Saprei bene come soddisfarmi, ma le condizioni esterne (solitamente economiche) non me lo consentono!

In un contesto di popoli di natura, dove siamo più vicini all’aspetto biologico, la gerarchia del soddisfacimento dei bisogni segue la gerarchia relazionale. Ad esempio in un villaggio dell’Africa quando c’è poco cibo, prima mangiano gli adulti e quelli più forti che devono andare a caccia, poi le donne ed infine i bambini. Ma questo non attiva nessun tipo di senso di colpa o di conflitto. In un contesto come il nostro, più lontano dal percepito biologico dell’inconscio, si tende a fare il contrario e a privilegiare il soddisfacimento dei bisogni dei più deboli, mettendo in pericolo tutto il gruppo. Solo se si garantiscono le forze dell’adulto responsabile, questi potrà garantire il sostentamento del maggior numero di persone della comunità.

Nel nostro conflitto occidentale siamo assolutamente coscienti delle regole gerarchiche, ma preferiamo volutamente sovvertirle per attivare il proprio personale sacrificio. Nel conflitto è insito il concetto di sacrificio nel senso che la persona preferisce sacrificarsi solo perché riesce meglio a gestire il proprio dolore e la propria malinconia, piuttosto che affrontare il dolore degli altri.

Così il mio bisogno entra in urto con quello della persona per il quale mi sacrifico. E’ il conflitto delle morali e delle visioni del mondo che credono che la pace possa alimentarsi dall’annullamento della mia morale e della mia visione. Niente di più errato. Se non ascolto il mio bisogno che preme sulla mia pelle, questo si trasforma inevitabilmente (come dice l’etimologia) in una piaga di dolore.

Sembra quasi che la persona sia infastidita dal proprio avere ancora bisogni umani, vorrebbe in verità essere al di sopra degli stessi e dimostrare così la sua superiorità rispetto agli eventi materici; ma alla fine deve riconoscere che quel bisogno ancora mi percuote e mi affligge, anche se ho deciso di agire per soddisfare i bisogni altrui.

IL CONFLITTO SERVE AD ALIMENTARE IL DESIDERIO

Nella storia evolutiva umana il soddisfacimento del bisogno primario è quello che spinge l’essere umano all’azione. Mangiare, proteggersi, riprodursi sono le pulsioni primarie che devono essere soddisfatte per permettere la propria stessa presenza nel mondo.

Il materno ha il compito biologico di soddisfare immediatamente il bisogno del bambino e rispondere alle sue richieste di cibo, protezione e affetto. Il paterno ha invece il compito biologico di negare il soddisfacimento immediato del bisogno per tentare di procrastinarlo il più possibile nel tempo. Questo fa nascere nel figlio il desiderio che è sempre un bisogno non soddisfatto.

E’ il desiderio l’impulso più grande che muove all’azione l’essere umano e che si incarica di condurlo verso nuovi orizzonti evolutivi. Quando i bisogni elementari sono tutti soddisfatti si rischierebbe di fermare l’evoluzione e di morire di inedia: per questo alimentare il desiderio è assolutamente necessario e vitale.

Entrare in conflitto con sé per non riuscire a soddisfare il proprio bisogno è così un espediente evolutivo della razza umana che permette al singolo di alimentare il proprio desiderio, urtando con i bisogni soddisfatti di chi gli è intorno.

Pian piano, a forza di urtare e premere, il soggetto che resta nel conflitto e rifiuta ciò di cui ha bisogno, non sta che facendo crescere il proprio desiderio. Nella sua immaginazione si crea la certezza che in qualche luogo lontano ci sia la possibilità di soddisfare tutti i bisogni della propria famiglia e quindi, finalmente, anche i propri. Il conflitto costruisce dunque una solida contrapposizione tra la negazione del proprio bisogno e l’aumento smisurato del proprio desiderio; tra la necessità di accrescere il proprio sacrificio e il pensiero che possa esistere un luogo dove possa finalmente raggiungere la mia felicità.

Questo binario conflittuale si spezza solo nella pulsione ad andarsene via di casa, perché quella terribile tensione è proprio ciò che permette alla persona di trovare il coraggio per emigrare e tentare di cambiare la propria condizione di vita.

Dunque senza l’innesco del conflitto la famiglia rischia di rimanere nel puro soddisfacimento dei bisogni primari, senza alcun sogno o desiderio personale da realizzare. Senza alcuna tensione sociale o movimento evolutivo.

Anche il conflitto come la colpa e la rabbia, nutre un odio preciso nei confronti della gerarchia che desidera in qualche modo sovvertire, o forse semplicemente sostituire. Così nasce l’idea di tentare la fortuna e migrare verso un luogo lontano dalla mia famiglia, dove nessuno mi dirà cosa devo fare e dove finalmente sarò il primo per me: potrò pensare di soddisfare tutti i miei bisogni e tentare di realizzare i miei sogni.

Ovviamente nel luogo dove si emigra si ripeteranno tutte le problematiche conflittuali della vecchia famiglia.

La Cronogenetica toglie il conflitto del soggetto e gli mostra come i bisogni delle persone non possono mai essere in contrasto tra loro, se riconosciamo e rispettiamo la corretta gerarchia. Riconoscere che devo prima soddisfare i bisogni del mio corpo e servirlo, significa garantirsi la possibilità di avere un corpo in perfetta salute psico-fisica che potrà così adeguatamente servire noi e i nostri obiettivi di vita.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi